Associazione Musica Aperta - 24125 Bergamo - via Borgo Palazzo, 31 - tel. e fax 035/242287

Bergamo, aprile 2000

L'ultimo appuntamento della diciannovesima stagione degli Incontri Europei con la Musica, organizzati dall'Associazione Musica Aperta in collaborazione con gli assessorati allo spettacolo di Comune, Provincia e Regione e, per le prove-lezioni della mattina, col Provveditorato agli Studi, vedrà protagonista il Trio Electa (clarinetto, violoncello e pianoforte), chiamato a colmare la defezione dell'ultima ora dell'Ensemble Recherche, dovuta a indisposizione di un componente.

Sabato 8 aprile alle ore 17 presso il Teatro del Borgo (ingresso libero fino a esaurimento dei posti) si avrà comunque la possibilità di ascoltare un interessante excursus sul Novecento, spaziante dalle atmosfere rarefatte dello sperimentalismo alla spontanea comunicativa del linguaggio "cinematografico" di Nino Rota. Dell'originaria proposta incentrata sulla tradizione ebraica nella musica del XX secolo si sono potuti conservare due brani: T'Filat Nish Mati ("preghiera dell'anima") per clarinetto basso della compositrice israeliana Ora Bat Chaim e Kaddish per violoncello e pianoforte di Maurice Ravel. Essi incorniceranno, nella prima parte, Rag in frantumi per pianoforte di Ennio Morricone, "J.H." per clarinetto e violoncello di Luis de Pablo, che tenta una sintesi fra avanguardia e folclore iberico, e I rimbalzi dell'eco per clarinetto e pianoforte della compositrice napoletana Chiara Maresca. La seconda parte sarà invece dedicata a Nino Rota, con una "fantasia cinematografica" che allinea motivi tratti da celebri colonne sonore e il Trio in do maggiore, in cui convergono semplicità e gusto, linguaggio tonale e scioltezza formale, irruenza ritmica e lirismo.

Il Trio Electa, fondato nel 1994, ha tenuto concerti in tutta Italia per le maggiori istituzioni musicali; nel gennaio 1998 si è esibito in diretta nell'ambito del prestigioso programma Radiotre-suite. Recentemente ha compiuto un'applaudita tournée in Francia. Ha inciso il Trio di Rota in un CD monografico contenente anche l'esecuzione da parte dello stesso autore dei 13 Preludi per pianoforte. Nel prossimo settembre compirà una tournée in America latina.

Federico Paci dopo il diploma in clarinetto si è perfezionato con Mariozzi e Scarponi, di cui è stato poi assistente ai corsi di S. Benedetto del Tronto; ha ottenuto inoltre il diploma del corso di musicologia e pedagogia a Fermo. Spaziando dal repertorio solistico a quello cameristico si è esibito in Italia e all'estero presso importanti istituzioni e festival, eseguendo anche in prima assoluta numerose composizioni in prima assoluta. Insegna presso gli istituti musicali di S. Benedetto e Ancona e incide per la Edipan.

Gabriele Bonolis si è diplomato in violoncello al Conservatorio di Roma; borsista presso l'Orchestra giovanile italiana, è nell'organico dell'Orchestra giovanile europea (ECYO). Si è perfezionato con Filippini, Vendramelli, Geringas, Monighetti, Bonucci e - per la musica da camera - con B. Mezzena. Molto intensa la sua attività concertistica, con registrazioni per la RAI e Radio vaticana e tournées in Italia, Norvegia, USA, Canada e Marocco. È professore di ruolo di musica da camera al Conservatorio di Benevento.

Piero Di Egidio ha studiato pianoforte con Lucia Passaglia presso il Conservatorio "Cherubini" di Firenze, diplomandosi giovanissimo col massimo dei voti, la lode, la menzione ministeriale e il premio quale miglior diplomato della Toscana nel 1984; ha conseguito la maturità classica e la laurea in Lettere moderne. Si è perfezionato con Agosti, Graf e Ciccolini (Accademia "Perosi" di Biella), di cui è stato poi assistente. È docente di pianoforte principale e vicedirettore presso l'Istituto "Braga" di Teramo. Vincitore di numerosi e importanti concorsi nazionali e internazionali, è stato 1 assoluto al concorso "Bartók" (1989) e al concorso internazionale di Caltanissetta (1991). È invitato dalle più prestigiose associazioni musicali italiane ed estere, sia come solista che in formazioni da camera; tiene regolarmente corsi di perfezionamento ed è spesso invitato a far parte di commissioni in concorsi pianistici internazionali. Ha inciso diversi CD e registrato per la RAI e per emittenti private come solista e in formazioni cameristiche.